Tecar terapia

Tecar terapia? Funziona grazie alle proprietà del calore endogeno Tra le diverse tecniche di fisioterapia,…

Leggi di più

Laser Terapia

La laser terapia è l’uso di radiazioni luminose ora utilizzato in molte aree specialistiche, ad esempio nel trattamento delle malattie degli occhi e della pelle. Sono raggi laser ossia fasci di luce raggruppati ad alta energia e agiscono su una parte del corpo durante il trattamento laser.
A seconda dell’effetto biologico dei raggi laser sul tessuto, il medico modifica la lunghezza d’onda, l’intensità, la durata dell’impulso e la frequenza dell’impulso del laser.
Esistono diversi metodi:
Ablazione laser (rimozione del tessuto)
Coagulazione laser (morte cellulare indotta termicamente)
Epilazione laser (epilazione permanente)
Fototerapia laser

Ablazione laser Quando si rimuove il tessuto con un laser, il medico utilizza un cosiddetto laser a CO2 o un laser a Erbio: YAG, il cui raggio è rivolto all’area da trattare.

Gli strati cellulari più alti assorbono la luce ad alta energia e il tessuto evapora. In questo modo, ad esempio, le verruche possono essere laserate o le cicatrici possono essere laserate via.
La coagulazione laser viene utilizzata principalmente in oftalmologia. L’oftalmologo utilizza i raggi laser per generare calore nei tessuti della cornea o della retina, che distruggono le cellule. Le cellule speciali del sistema immunitario – i cosiddetti fagociti – quindi rimuovono il tessuto morto e la ferita guarisce.
Epilazione laser Quando viene utilizzata la depilazione laser, il medico riscalda la radice dei capelli e le cellule staminali del cosiddetto rigonfiamento dei capelli. Per fare questo, di solito usa un laser a infrarossi che penetra fino a cinque millimetri di profondità nella pelle. Il riscaldamento delle cellule che formano i capelli porta alla loro distruzione permanente e i capelli non possono più ricrescere.
Fototerapia laser Il paziente può essere trattato con fototerapia laser, in particolare per la psoriasi e la malattia dei punti bianchi. Il medico di solito usa il cosiddetto laser ad eccimeri, che emette onde UVB. Dirige questi raggi ad alte dosi specificamente verso le aree della pelle colpite. Le aree cutanee sane vicine sono protette.
Come comportarsi dopo la laser terapia?
Come comportarsi dopo la laser terapia dipende dal tipo e dalla ragione del trattamento.
Il post-trattamento è molto importante dopo un intervento laser. Potrebbero essere necessarie diverse settimane. Il dermatologo o un’estetista ti mostreranno come prenderti cura della tua pelle.
Dopo la terapia laser con gli occhi, non guidare un veicolo per almeno 24 ore. Si raccomanda un controllo oftalmologico al più tardi dopo tre mesi per verificare il successo del trattamento. In caso di sintomi o anomalie dopo il trattamento, si consiglia di consultare l’oculista in anticipo

Leggi di più

Rieducazione Motoria

La RIEDUCAZIONE MOTORIA è di fondamentale importanza qui; Il nostro obiettivo è ripristinare o migliorare la salute funzionale e le abilità quotidiane dei nostri pazienti fino al raggiungimento di muoversi in modo indipendente e senza restrizioni in tutte le aree della vita.

Rafforzare le abilità – compensare i deficit
In una vasta gamma di terapie e procedure di allenamento speciali, utilizziamo la capacità del cervello di riorganizzarsi continuamente. Questa capacità si chiama plasticità neurale. In questo modo, possiamo influenzare le restrizioni funzionali come la paralisi, i disturbi della sensibilità e le prestazioni cerebrali ridotte: le abilità esistenti vengono allenate, le abilità perse vengono sostituite in tutto o in parte o compensate da altri. Il nostro lavoro terapeutico di rieducazione motoria riguarda i processi fisiologici e gli effetti psicologici e sociali individuali.

Fiducia e continuità
Il nostro team di fisioterapisti, terapisti occupazionali e terapisti sportivi inizia a mobilitare i nostri pazienti il ​​più presto possibile. Nella stretta collaborazione multidisciplinare di medici, infermieri e terapisti, fissiamo obiettivi di rieducazione motoria individuale, piani terapeutici e parametri di accompagnamento valutandoli ogni talvolta durante il corso del trattamento.
Lavoriamo principalmente con terapie individuali integrate da terapie di gruppo, con terapia fisica e occupazionale regolarmente ea brevi intervalli. La fiducia e la continuità nel rapporto tra pazienti e terapisti sono molto importanti per noi per un successo sostenibile.

Buoni risultati più velocemente
Un’atmosfera positiva e confortevole influenza anche il corso della rieducazione motoria.
Svolgiamo attività in camere tranquille, accoglienti e appositamente progettate, dotate di strumenti all’avanguardia.
Per i pazienti gravemente colpiti, lavoriamo anche con team terapeutici strettamente coordinati, a volte con trattamenti simultanei da un fisioterapista e un terapista occupazionale. Di conseguenza, acceleriamo la mobilitazione e otteniamo buoni risultati più rapidamente e riusciamo a mobilitare i pazienti in una fase molto precoce.

Leggi di più

L’iperlordosi Lombare

L’iperlordosi lombare è correlata al mal di schiena quando la stazione eretta è prolungata?
Per rispondere al quesito, questa stessa domanda è stata fatta ad un gruppo di persone che non avevano dolore alla lombo-sacrale, per comprendere se la stazione eretta prolungata in soggetti con iperlordosi sia effettivamente un fattore di rischio di dolore lombare.

Lo scopo di questo studio infatti è stato quello di verificare l’associazione fra lordosi lombare e mal di schiena durante la stazione eretta della durata di 2 ore. I partecipanti sono stati valutati attraverso dei rilevatori posizionati nella zona delle vertebre lombari in motion capture mentre svolgevano semplici manzioni lavorative. Ogni 15 minuti venivano richiesti attraverso la scala analogica visiva (una scala che indica il dolore da 1 a 10) tutti i feedback ai diretti interessati.

I risultati suggeriscono che durante la stazione eretta prolungata, i soggetti con iperlordosi lombare hanno un maggior rischio di sviluppare mal di schiena. Identificare tali fattori di rischio, informando il diretto interessato, può far sviluppare strategie di intervento precoce e di prevenzione.

Leggi di più

Cervicale e utilizzo dello smartphone

Questi due studi hanno lo scopo di indagare le relazioni tra il dolore muscolo scheletrico della regione cervicale e l’utilizzo dello smartphone. Nel primo studio, attraverso una serie di test, si evince che le regioni del corpo più dolorose dopo l’uso di smartphone sono risultate essere le spalle e il collo. Nel sistema muscolo-scheletrico, il dolore alla schiena è risultato essere inversamente proporzionale alla dimensione del display a cristalli liquidi dello smartphone, mentre il dolore alle gambe e ai piedi è risultato essere direttamente proporzionale al periodo di tempo in cui lo smartphone veniva utilizzato.

Nel secondo studio, si indaga sulla possibile influenza che ha il dolore al collo, sul movimento cervicale nel piano sagittale, durante l’utilizzo dello smartphone. In altre parole, ha esaminato i cambiamenti nella postura di giovani adulti con e senza dolore lieve al collo quando si utilizza uno smartphone. Ebbene, i giovani adulti con dolore lieve al collo sono più attenti e più spesso utilizzano una postura di collo neutra rispetto ai giovani adulti senza dolore quando si utilizza uno smartphone, mentre stanno seduti.

In conclusione, è stato rivelato che l’uso del cellulare ha correlazioni con i sintomi muscolo-scheletrici cervicali e non. Pertanto, nel contesto di oggi, dove l’uso di smartphone è in aumento, è necessario migliorare il modo in cui sono utilizzati questi dispositivi e sviluppare un programma di prevenzione per alleviare i sintomi di un’eventuale danno muscolo-scheletrico.

Leggi di più

Azienda

Fisioterapiadynamic Centro di fisioterapia e riabilitazione.

Apertura Centro

Lun/Sab Mat: 8.00/13.00 Lun/Sab Pom: 15.00/20.00Domenica: Chiuso

Contatti

Telefono: 06/6621940Via Baldo degli Ubaldi, 55 Roma